News

Diluvio

con Rocco Lombardi

1 Piazza delle oche

A Umberto Eco

Un giorno ci hanno insegnato che i cattivi son quelli un po’ solitari, che non si divertono da matti alle feste, e che se chiedi loro un piacere non è detto che te lo facciano. Tu quanto sei cattivo?

Cattivissimo, direi, se il termine di paragone è la solitudine, la frequentazione delle feste, il concedere piaceri. D’altro canto cucinerei quasi tutte le sere per persone diverse ospitandole in casa, farei molto volentieri e spesso delle feste, elargirei favori molto spesso se chi li chiede si pone umanamente.

Quanto ha a che fare la coerenza, con l’isolamento e la follia?

Il rapporto può essere simbiotico se quello che persegui non è tanto in voga. Isolarsi e flirtare con la follia può essere rigenerante o annichilire, ci vuole una discreta pratica, e in tutto questo una certa coerenza.

Via Rialto

I tuoi libri “pian piano raggiungeranno tutte le librerie indipendenti con cui siete in contatto mentre non saranno reperibili in tutte la altre della grande distribuzione”… Come mai?

Questione annoiante quanto definitiva e nociva. Per chi non ne sa nulla, la distribuzione libraria è un meccanismo che fa guadagnare a pochissimi mentre trita tutti gli altri che sono obbligati ad affidarcisi, che poi è come funziona tutto il resto del mondo del lavoro. Lunga vita alle librerie indipendenti e a i folli che con coerenza vincono l’isolamento e fanno respirare. E tutto torna.

Nonostante ai nostri giorni la parola “artista” per alcuni sembrerebbe qualcosa da evitare a ogni costo, l’impressione è che sempre più persone si dedichino, anche seriamente, a manifestazioni espressive della propria sensibilità. Come definiresti tali creature?

Coltivare il proprio estro creativo è estremamente necessario, è come respirare, ti serve a vivere, di certo non a fare cassa necessariamente. L’idea che molte persone non possano o non vogliano avere tempo per questa pratica determina una buona fetta della tristezza annusabile nell’aria. Le creature che reclamano la pratica creativa sono emissari divini, anzi, la divinità in concreto. Realizzare il proprio sentire è salvifico anche per chi ti sta intorno.

6 Via Portici

Credi che un diluvio, o chi per esso, sia un buon modo per sistemare le cose, oppure quella umana è una razza senza speranza alcuna?

La speranza esiste nel momento in cui perseguiamo le vie concrete di cui prima. Che poi una buona maggioranza non reclami tali pratiche, e di fatto ostacoli tutti gli altri, è una cosa che non mette di buon umore. Sperare in un grande diluvio può divorarci, sprigionare tante piccole gocce potrebbe avere la stessa forza, ma tutto, tutto resta da verificare. La brutta notizia è che sembra che abbiamo poco tempo a disposizione, quantomeno per non peggiorare le cose. Quello che si può fare immediatamente è guardare alla bellezza, pura, non addomesticata né idealizzata, immedesimarsi, sciogliersi e unirsi ad essa… Per l’appunto, guarda al picchio nero di Alberico.
Piazza Podestà

Una delle tue ordinarie giornate in the country:

Al momento non ho un vissuto quotidiano in the country, ma per fortuna accadrà molto presto. So già che ci saranno lunghe esplorazioni, lunghi momenti al cospetto di una stufa, la raccolta della legna, probabilmente più terra nelle unghie e sotto le scarpe, conoscere meglio le tracce dei lupi e provare a seguirle. È ora di congedarsi per un po’ dalle polveri sottili.

Il ricordo di fanciullo che ancora oggi un po’ ti spaventa:

Il sogno ricorrente di cadere dall’ultimo piano del palazzo dove abitavo, e poi al risveglio, nel cuore della notte, osservare il lieve bagliore che proveniva dalla porta socchiusa della stanza… Chi mi spiava in quei lunghi momenti?

Via Mercerie

Come spiegheresti a dei bambini che pendono dalle tue labbra, in un calmo mattino primaverile, il concetto di “albero sfregiato”?

Se hanno avuto la fortuna di conoscerlo, un albero, di averlo come amico, di crescerci insieme, gli farei immaginare il giorno in cui incideranno sulla sua corteccia il proprio nome, il momento in cui ne mangeranno i frutti, quando arriveranno a raccoglierli, i giorni in cui ci costruiranno sopra una casa — di legno ovviamente — e poi potrebbero assistere a delle potature insensate, al fatto che attorno a questo albero le cose cambino in modo inaspettato. Infine, un giorno potrebbero non ritrovarlo più, e allora potranno guardarsi le mani e pensare a tutto quello che hanno fatto con e per quell’albero, e in quel momento saranno grandi e potranno chiedersi che cosa gli hanno portato via.

Thanks

Pentesilea 2015

lalberosfregiato.blogspot.it

Alberico

Non Senza Mano Cattiva

L'Argine

1 Trackback / Pingback

  1. Realizzare il proprio sentire è salvifico :: Rocco Lombardi | Mondflecken ☉ pastiche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: