News

Nocturnalia

Con Seven Moods

cov in“Certe cose che senti nell’aria non le devi nascondere, le conosci a memoria ma non puoi condividerle” — cit. Tiromancino: È solo un’impressione, o siamo del tutto in balia di un incontrollato bisogno di condividere ogni cosa senza prima provare a viverla?

Ho anch’io un incontrollato bisogno di condividere le mie creazioni, mi piace suscitare reazioni.

Chi è l’artista?

L’artista è colui che si impegna seriamente, guidato da un’esigenza primordiale, nel portare avanti uno studio e una ricerca continua di espressione, e che fa dell’arte la propria vita. Suono da trentatré anni e dipingo da venti, praticamente non ricordo la mia vita senza questi due elementi.

Silenziose notti stellari avvolgono lo spazio dei tuoi soggetti: quali sono i versi o le parole più adatte a descriverle?

At night dei Cure e Waiting for the night dei Depeche Mode.

Il volto femminile: un modo ideale per esprimere ogni stato d’animo o, semplicemente, uno dei temi che ancora tira?

In questo momento, l’immagine femminile riesce a connettermi con quello che voglio esprimere. Nel corso dei secoli, la donna è stata oggetto di diverse analisi e interpretazioni. In tutte le culture è riconosciuto il ruolo della donna che crea cultura, mentre in Occidente è stata vista per molto tempo come soggetto dedito alla riproduzione. Nella letteratura e nelle arti ha sempre svolto un ruolo importante e magico.

La tua personale definizione di Lowbrow o Pop Surrealism:

Non amo definirmi, ma so di avere delle caratteristiche vicine al Pop Surrealismo e al Lowbrow. Io lo definire più Neo-Surrealismo.

lat

Sarai in mostra presso la Dorothy Circus Gallery fino a Maggio: quanto è importante raggiungere il traguardo di esporre in galleria?

È un traguardo a cui non ci si abitua mai. È importantissimo, perché ogni volta, in base ai commenti delle persone, la strada da percorrere si fa sempre più chiara, ed è meraviglioso condividere l’esperienza con loro.

Roma è una grande città piena di gente, ma a volte la sensazione è quella di sentirsi un po’ isolati: tu come la vivi?

Purtroppo in Italia l’arte, la musica e il cinema vivono momenti difficili. In America, in questo momento storico, l’arte ha un seguito pazzesco, e i nostri vecchi artisti — Leonardo, Caravaggio, Bernini, Raffaello, etc. — non saranno molto contenti di questo. Parlando di Roma, per fortuna c’è gente come Alexandra Mazzanti che da molti anni ormai porta avanti un progetto importantissimo. Oltre a portare qui artisti molto conosciuti da tutto il mondo, fa emergere anche talenti italiani.

L’arte è un dono — una condanna — o semplicemente un privilegio per chi può permetterselo?

L’arte è un privilegio, credo. È un modo per vivere un’esperienza. E la vita è un’esperienza.

Siamo tutti alla ricerca della fama?

Non lo so. Per quanto mi riguarda, essere “famoso” significherebbe aver condiviso la mia esperienza con molte persone. Esperienza che ti arricchisce come artista e come persona, quindi che ben venga.

Il ricordo della tua infanzia a cui resti più legato:

Entravo nei negozi di dischi che ormai non esistono più, e rimanevo incantato per ore a guardare le copertine dei dischi, che poi ascoltavo e compravo. Ma questa è un’altra storia.

Thanks

Nocturnalia
Dorothy Circus Gallery
dall’ 11 Aprile al 23 Maggio
Roma

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: