News

Shining Lines

con Alvaro Tapia Hidalgo

 

I tuoi soggetti emanano una luce piuttosto violenta: cosa vogliono comunicarci?

I miei personaggi stanno urlando dall’interno. Sono in preda al panico, come un coniglio abbagliato dalla luce intensa. Sono irrequieti, ma emotivamente contenuti. Vogliono mostrare il lato selvaggio che sfugge loro da ogni parte, ma sono obbligati a contenersi. Mostrano la dualità della condizione umana. Un interiore oscuro in contrasto con una superficie brillante e colorata.

Quanto ha a che fare la follia con l’illuminazione?

Anche in questo caso si parla di dualità. Follia e illuminazione sono sullo stesso piano, ma in maniera opposta. Sono i due estremi della stessa cosa. Si incontrano al di là della mente.

neo_172_1565

Qual è il segreto delle tue oscilloscopiche linee bianche?

È la rappresentazione grafica del lato oscuro. Talvolta anche aggravandone lo stato originale.

Il momento preciso in cui si realizza di essere un artista:

Non saprei. Ancora non lo sento e non so se spero di sentirlo.

Come mai oggi molte persone appaiono molto più riluttanti nell’usare il termine “artista” per definire la propria vocazione?

Forse perché non tengono ad avere una definizione di quello che fanno, o non si sentono a proprio agio con la definizione di “artisti”. Nel mio caso preferirei più definirmi un “lavoratore grafico” o “un operaio dell’immagine” piuttosto che un “artista”.

alvaro_hidalgo_08

Quanta importanza assume la provocazione nell’attirare attenzione sul proprio messaggio?

La provocazione è un elemento molto efficace per attirare l’attenzione, ma quando è vuota — la provocazione per la provocazione — credo non abbia molto senso. Per quanto mi riguarda, non mi considero affatto provocatorio.

Hai anche lavorato per Rolling Stone: credi che la musica oggi abbia qualche responsabilità se gente come Mourinho è eletta rockstar dell’anno?

È un’opera che si riferisce proprio all’esaurimento nel mondo della musica contemporanea — e dei media che la trattano — che non ha più rappresentanti abbastanza potenti. Era un numero della rivista, ed è stato molto criticato sul momento. Credo che nacque da un punto di vista di “atteggiamento da rockstar”. Ma non è che ci ho perso il sonno, in realtà.

Alvaro-Tapia-Hidalgo-02

Ogni autore ama ritrarre celebrità: credi ci sia una ragione se, nonostante il trascorrere degli anni, esse restino più o meno le stesse?

Sì, hai ragione. Infatti, mi sono già annoiato di ritrarre personaggi come lavoro personale.

Una delle parole più presenti nella nostra vita è “crisi”: come la dipingeresti?

Con il vuoto, il nulla. Un foglio in bianco.

Il ricordo della tua infanzia a cui resti più legato:

Non mi riesce di ricordare qualcosa di concreto, di specifico. Quello che ricordo è di aver avuto tutto sommato un’infanzia felice.

Thanks

Wolffff-524x664

Video
www.alvarotapia.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: